Dall’avvento della nuova linea Saint Cloth Myth Ex, nata nel 2011, molti appassionati di Saint Seiya si sono affacciati anche al mondo del collezionismo. Purtroppo però, nel disperato tentativo di completare la casta principe, ovvero i Gold Saints, la domanda ha superato di gran lunga l’offerta con il risultato incredibile che vede questi ultimi ormai in vendita a prezzi davvero sopra la norma.
Questo problema ha portato inevitabilmente al fenomeno delle case cinesi che sono entrate nel mercato irrompendo con repliche dei modelli originali prodotti dalla casa nipponica Bandai con un livello di dettaglio davvero pauroso. Ciò ha fatto felici in molti, soprattutto coloro che si sono affacciati solo adesso al mondo Myth e che, sfortunatamente, non hanno avuto la possibilità, per ovvi motivi, di acquistare gli originali e che si ritrovano davanti a due scelte: acquistare a prezzi davvero esagerati i modelli originali da privati sui vari siti di aste online, come eBay per esempio, oppure ripiegare su queste repliche vendute a prezzi davvero ridicoli.

Ma qual è il compromesso da accettare nel secondo caso?
Sin dall’inizio, le varie compagnie come LC Models, sfornavano Myth Cloth in plastica ed in formato kit (runners con stampi da tagliare per poi assemblare l’armatura), successivamente sono entrate in campo le copie Metal Club/S-Temple che si sono prefisse l’obiettivo di ricreare le armature in metallo, esattamente come gli originali.
Questa notizia ha galvanizzato ulteriormente i collezionisti amanti del metallo che si sono così visti spingere verso l’acquisto ad occhi chiusi.
La qualità dei cosiddetti “fake” è aumentata pian piano, nonostante ci siano comunque delle mancanze come l’assenza degli object che consentono di mostrare l’armatura montata a segno zodiacale. Tuttavia si tratta di uno di quei compromessi che in molti accettano senza farsi troppi scrupoli.

Naturalmente non è tutto oro ciò che riluce e, se da un lato il compratore si ritiene soddisfatto della propria copia (nel vero senso della parola), dall’altro deve fare i conti con altre problematiche, come le spedizioni dalla Cina che richiedono eoni (dai 30 ai 45 giorni per ricevere il pacco) sino alla qualità e sicurezza dei materiali utilizzati.
Proprio su questo punto vorrei soffermarmi, per riflettere un attimo sulle vernici ed i metalli utilizzati e che, come ben sappiamo, non hanno superato nessun controllo di sicurezza e di cui non si sa l’effettiva provenienza, lavorazione e tossicità.
Siamo davvero sicuri che queste vernici siano a norma?
Vale davvero la pena rischiare qualcosa pur di avere tra le mani un action figure senza sapere che, a contatto con la nostra pelle, possa provocare allergie o molto altro ancora a nostra insaputa?
E’ chiaro che, essendo la maggioranza dei collezionisti degli adulti, si tende a toccare poco i propri modelli per poi riporli subito in vetrina e dunque potrebbe non sussistere il problema, però è un quesito da porsi comunque.
Alla luce dei fatti e dalla moltitudine dei commenti letti in questi anni sulla nostra pagina Facebook e sul nostro Forum, la tendenza è comunque quella di dare la priorità all’acquisto degli originali per vari fattori, primo tra tutti il valore monetario che quest’ultimo avrà col passare del tempo.

A questo punto vi starete chiedendo: “ma allora a cosa serve questo articolo?”.
Saggia domanda!
Beh, l’intento è quello di riflettere in primis sul fenomeno del mercato “nero” dei Myth Cloth e chiedersi se infine non abbia influito negativamente o meno sul prezzo eccessivo degli originali che vengono prodotti attualmente e, come secondo punto, riflettere sull’aspetto sicurezza dei materiali di queste copie cinesi.
Fatemi sapere come sempre la vostra opinione in merito qui in basso nei commenti 😉